Samsung Galaxy S4 Zoom

Samsung Galaxy S4 ZoomCon il Galaxy S4 Zoom, la  volontà di Samsung di allargare la sua gamma di prodotti anche a modelli innovativi ormai era più che assodata. Già l’avvento della famiglia Note ha portato una ventata di novità nel mondo degli smartphone e quindi non ci stupisce così tanto il nuovo ibrido arrivato in casa dell’azienda coreana. L’anno scorso avevamo visto Samsung proporre Galaxy Camera, un curioso primo esperimento dell’azienda nel campo della fotografia con Android a bordo, seguita poi da una versione, Galaxy Camera NX, dedicata ai professionisti del settore.Galaxy S4 ZoomMa perché limitare un oggetto dalle grandi potenzialità, offerte dal sistema operativo del robottino verde, ad essere solo una fotocamera? Nasce così Galaxy S4 Zoom, il primo prodotto che è in tutto e per tutto un ibrido tra uno smartphone e una fotocamera compatta. Non possiamo definire questo dispositivo un cameraphone, la definizione di corrente di cameraphone è un cellulare con capacità di catturare foto e video, che solitamente è caratterizzato da fixed focus e sensori che ne limitano le potenzialità, quindi in effetti ogni smartphone attuale possiamo farlo rientrare in questa categoria. Galaxy S4 Zoom è tutta un’altra cosa già a prima vista: frontalmente sembrerà un “semplice” smartphone con schermo da 4,3 pollici, ma basterà ruotarlo di poco per notare la sua incredibile particolarità che lo rende quanto di più simile si possa pensare a una fotocamera compatta. Sul retro troviamo infatti una fotocamera da 16 megapixel con zoom ottico 10x e stabilizzatore ottico che permetterà di realizzare scatti di qualità nettamente superiore a tutti gli smartphone Android ad oggi testati.
Lo zoom ottico è il fiore all’occhiello delle caratteristiche del prodotto e permette di riprendere oggetti lontani al massimo della risoluzione; stessa cosa non la possiamo dire dello stabilizzatore d’immagini, che sicuramente aiuta nello scattare foto ferme, ma durante i test non si è dimostrato particolarmente all’altezza comportandosi però meglio nei video. Proprio durante la ripresa di video ho riscontrato che lo zoom, se azionato, risulta molto rumoroso, rischiando di coprire il suono di quello che viene ripreso. La fotocamera si attiverà aprendo l’applicazione dedicata oppure premendo il tasto di scatto accediamo alla schermata iniziale da dove potremo scegliere la modalità (auto, notte, panorama, bellezza volto, macro, foto animata e galleria) . Per muoversi attraverso questo menu potremo utilizzare la ghiera presente sull’obiettivo della fotocamera che, oltre a permetterci di muoverci all’interno del menu, sarà anche uno dei modi per regolare lo zoom ottico, altrimenti potrete usare due tasti touch presenti nella schermata dell’applicazione della fotocamera. Il software fotografico è il più ricco mai visto su di uno smartphone Samsung (anche più di Galaxy Camera o Galaxy S4) con molte funzioni inedite. Le modalità semi-manuale e manuale permettono di agire su tutti i parametri che possono interessarvi (tra cui priorità dei tempi e dei diaframmi), anche se il funzionamento della ghiera a volte può risultare un po’ lento. Meglio raggiungibili i comandi rapidi che appaiono nella parte superiore della schermata, anche se non coprono tutta la gamma dei paramenti gestibili. Guardando gli aspetti inerenti alla parte smartphone troviamo uno schermo da 4,3 pollici con tecnologia SuperAMOLED, che vi riserverà ottime sorprese soprattutto sotto la luce diretta del sole grazie ad un’ottima luminosità, caratterizzato da una risoluzione di 540 x 960 pixel. All’interno abbiamo un processore Pega-Dual +XMM6262, novità nel mondo degli smartphone Android, dual core da 1,5 GHz supportato da 1,5 GB di RAM. La memoria a disposizione è di 8 GB, ovviamente espandibile essendo abbastanza limitata per uno smartphone votato al mondo della fotografia. Presente la connettività NFC e l’uscita video con MHL tramite microUSB, anche se la grande assente è la connettività LTE che avrebbe aiutato ad inviare più velocemente scatti o video di pesantezza più consistente. Manca anche il LED di notifica ma troviamo uno speaker molto potente posto posteriormente. Android è alla sua versione 4.2.2 Jelly Bean con la personalizzazione di Samsung che troviamo anche sugli altri dispositivi dell’azienda. La galleria e il browser risentono di qualche lentezza, ma in generale il sistema è scattante e reattivo. Ottima l’autonomia che permetterà di arrivare a sera anche con un uso intenso .
A chi serve Veramente ?
Galaxy S4 Zoom è un prodotto inconsueto e, come tutti i prodotti fuori dai canoni, è difficile che riscuota un parere unanime del pubblico. Le caratteristiche sono veramente interessanti e potrebbero convincere molti utenti che cercano un compromesso tra una fotocamera di qualità media ed uno smartphone senza doversi portare sempre dietro due dispositivi. Ma la forma e le dimensioni sono il tallone d’achille di S4 Zoom: l’unico modo per appoggiare lo smartphone è sdraiato, non è predisposto per stare in equilibrio sul lato lungo, ed inoltre la portabilità è compromessa dalla forma poco snella e, a meno che non abbiate sempre una borsa con voi, portarlo in tasca risulterà scomodo. Il prezzo è sicuramente interessante ma se siete dei veri amanti della fotografia la qualità della fotocamera non potrebbe soddisfare pienamente le vostre esigenze.

Quindi vi consiglio di pensarci bene prima di acquistarlo, perché potreste rimanere insoddisfatti delle sue qualità fotografiche..

Bruno Pramaggiore

Conoscere vuol dire Sapere

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “Samsung Galaxy S4 Zoom”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: