Le nuove funzioni di iOS 7

iOS 7 FunzioniOggi voglio illustrarvi le nuove funzioni di iOS 7 , la mia sarà una recensione sulle principali novità che Apple ha introdotto sul nuovo iOS .
Oltre alla grafica completamente ridisegnata, iOS 7 introduce una serie di nuove funzionalità, che però non sono certo inedite nel mondo smartphone. La più importante è certamente il Centro di controllo: con uno swipe verticale dal bordo inferiore dello schermo verso l’alto, si richiama un pannello dal quale è possibile attivare e disattivare in modo rapido modalità aereo, Wi-Fi, Bluetooth, rotazione automatica e luminosità dello schermo. Inoltre, sono disponibili collegamenti rapidi alle applicazioni torcia, cronometro, calcolatrice e macchina fotografica. Non solo: alcune applicazioni, come il lettore musicale, possono predisporre dei pannelli direttamente all’interno del Centro di controllo.Non mancano i collegamenti diretti ad AirDrop e AirPlay. Da molto tempo gli utenti richiedevano una funzione di questo tipo, che Android implementa da diverso tempo all’interno dell’area di notifica estesa, e finalmente Apple è riuscita ad accontentarli. Per esprimere il nostro giudizio in breve, il Centro di controllo da solo vale l’update a iOS 7.
Non mancano i collegamenti diretti ad AirDrop e AirPlay. Da molto tempo gli utenti richiedevano una funzione di questo tipo, che Android implementa da diverso tempo all’interno dell’area di notifica estesa, e finalmente Apple è riuscita ad accontentarli. Per esprimere il nostro giudizio in breve, il Centro di controllo da solo vale l’update a iOS 7.
La seconda introduzione del nuovo iOS 7 è AirDrop, la soluzione per lo scambio rapido di dati e contenuti tra due terminali; il sistema sfrutta i protocolli Bluetooth e Wi-Fi per instaurare una connessione peer-to-peer immediata tra apparati a breve/medio raggio. Tutte le applicazioni che supportano AirDrop possono mettere a disposizione i propri contenuti, siano essi contatti,foto, video o altro. La condivisione può essere impostata per tutti, solo per i contatti in rubrica o disattivata. Il ricevente visualizza un pop-up da cui può immediatamente accettare o rifiutare la connessione. Anche in questo caso il sistema ricorda da vicino una soluzione Android, e in particolare quel Wi-Fi Direct che però come protocollo di supporto utilizza Nfc e non Bluetooth.
iOS 7 novitàNovità anche sul fronte App Store: la sezione Vicino a me consente di ricercare le applicazioni locali. Il meccanismo di selezione è basato sul numero di download effettuati da utenti nella stessa zona in cui ci si trova. Nelle prove che ho fatto il sistema ha dimostrato una discreta precisione, fornendo ad esempio utili app relative alla viabilità e agli esercizi commerciali della zona.
Da segnalare infine la nuova piattaforma iOS in auto. Non ancora rilasciata ufficialmente ma presto disponibile per tutti gli sviluppatori di sistemi in-car, permetterà ai dispositivi Apple di interagire in modo avanzato con i computer di bordo delle vetture, fornendo ad esempio completo controllo dell’iPhone dal display e dai comandi a volante dell’auto, o di colloquiare con Siri sfruttando l’impianto di vivavoce presente sulla macchina. Tra le applicazioni che supporteranno questo nuovo protocollo di comunicazione vi sarà chiaramente anche il sistema di navigazione turn-by-turn di Apple.

Insieme alle nuove funzioni appena descritte, iOS 7 estende molte di quelle già presenti in iOS 6. Il Centro notifiche, ad esempio, si arricchisce con la scheda Oggi che condensa i contenuti relativi alla giornata in corso, come il meteo, le ricorrenze o gli appuntamenti a calendario e altro. Anche in questo caso la nuova funzione tradisce un déjà vu nei confronti di Google Now, sistema già implementato nelle ultime versioni di Android per scopi analoghi. Rinnovata anche la gestione del multi-tasking: l’elenco delle applicazioni attive è ancora richiamabile attraverso la doppia pressione del tasto home (e su iPad anche grazie alla gesture di scorrimento verso l’alto a quattro dita), ma ora viene prodotta una vera anteprima delle app aperte. Scorrendo una miniatura verso l’alto si possono chiudere definitivamente le app, mentre un click richiama a pieno schermo il software prescelto. L’elenco funge anche come hub per l’accesso alle applicazioni recenti o più utilizzate. Queste ultime vengono scelte anche sulla base dell’orario: se ad esempio tutte le sere prima di cena si ha l’abitudine di accedere alla propria pagina Facebook, iOS 7 farà trovare la relativa applicazione già presente nell’elenco all’ora precisa. Numerose le novità implementate in Safari. In primo luogo, il campo di inserimento dell’indirizzo e di ricerca vengono unificati sullo stile di Chrome, liberando spazio e semplificando le operazioni di input. Durante la consultazione delle pagine, barra di controllo e pulsanti scompaiono, rendendo di fatto la visuale dei siti a pieno schermo. Rinnovata la navigazione a schede, che sfrutta una vista a pannelli in prospettiva non solo elegante ma anche estremamente comoda. Anche in questo caso è possibile chiudere una scheda scorrendo lateralmente. Restando in ambito di gesture, la cronologia tra le pagine può essere consultata con uno swipe a destra e sinistra, mentre il nuovo sistema di link condivisi dà accesso alle pagine Web segnalate dai propri contatti Twitter.
Una funzione tutta da provare e molto utile è poi il Portachiavi iCloud: si tratta essenzialmente di un contenitore di password e dati sensibili che risiede sullo spazio iCloud dell’utente in modo da rendere disponibili le informazioni di auto-completamento da qualsiasi dispositivo. La sicurezza del sistema è garantita dalla crittografia Aes a 256 bit per trasferimenti e spazio di storage.
iOS 7 fotoIn ambito fotografico, iOS 7 introduce un nuovo formato di cattura delle immagini: il rapporto 1:1 (quadrato) è particolarmente indicato per alcuni social network come Facebook, Instagram e Pinterest, ma per la maggior parte degli utilizzi si può sempre ricorrere ai classici 16:9.L’interfaccia di controllo permette di scorrere tra le varie modalità con un semplice swipe. Sui dispositivi più recenti sono poi stati implementati nuovi filtri in tempo reale che offrono una anteprima della foto prima che questa venga scattata. Dopo aver catturato l’immagine, iOS conserva comunque una versione senza filtro, in modo da poterlo eliminare in caso di necessità. Sul fronte video, i dispositivi compatibili possono riprendere le immagini in modalità moviola (alto frame-rate).
Il software per la consultazione delle immagini raggruppa le foto in base alle date a i luoghi di cattura. Ogni anno contiene così raccolte relative ai viaggi o ai momenti dello scatto, ad esempio una cena o un meeting di lavoro. Anche all’interno del nuovo sistema Immagini possono essere richiamati i filtri già implementati nel sistema di cattura foto (in questa fase il sistema di elaborazione è disponibile anche per gli apparati meno potenti).
Siri presenta una nuova grafica, conforme al design di iOS 7, ma anche alcune funzionalità inedite: il sistema di ricerca si basa su più fonti (Bing, Wikipedia e Twitter). Da notare l’assenza di Google, ennesimo sintomo della disputa in corso tra i due giganti californiani.
L’assistente vocale di Apple ha inoltre appreso nuovi servizi: può dar seguito alle chiamate perse, regolare la luminosità dello schermo, impostare il cronometro e molto altro. È cambiata anche la voce sintetizzata, ed è possibile scegliere il sesso dell’interlocutore.
Trova il mio iPhone non è certo una novità di iOS 7: il sistema di ricerca dei dispositivi bloccati è stato infatti introdotto con iOS 5 ma è stato ulteriormente potenziato nell’ultima versione: per disattivarlo è infatti necessario accedere al proprio Apple ID, così come per riattivare il dispositivo in caso di blocco.
Sono anche configurabili dei messaggi di allerta che continuano a comparire dopo la cancellazione a distanza del sistema, in modo da rendere ancora meno utilizzabile un terminale che sia stato rubato.
Per concludere la panoramica delle funzioni rinnovate meritano menzione alcune gestures che sono state adottate all’interno delle applicazioni predefinite: il sistema di mail e messaggi, ad esempio, permette di tornare al livello superiore di consultazione con uno swipe dal bordo sinistro dello schermo verso destra, mentre in alcuni casi con il gesto opposto si possono visualizzare dettagli sulla conversazione, ad esempio gli orari precisi di invio e ricezione di Sms.

Con questo articolo spero di essere riuscito ad illustrarvi le principali funzioni di iOS 7, se vi interessa vi segnalo il mio articolo dove è recensito il mio Ipad Air e anche l’articolo dedicato alla storia di iOS .

Se volete rimanere informati sulle ultime novità non dovete far altro che iscrivervi alla NewsLetter .

Bruno Pramaggiore

Conoscere vuol dire Sapere

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “Le nuove funzioni di iOS 7”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: